article-0-02b0114c0000044d-243_634x428Si è svolta ieri sera (16.02.17) aula magna della SUPSI a Canobbio, la riunione convocata dalla commissione arbitri riguardante il protocollo IFAB sul Video Assistant Referees (VAR). All’incontro hanno partecipato, oltre a Francesco Bianchi, dirigente UEFA sezione Arbitri, Papa Silvio, il responsabile arbitri della federazione ticinese di calcio, ex arbitro FIFA Roberto Rosetti il relatore della serata e capo progetto VARs Italia, ex Allenatore del FC Lugano Andrea Manzo e il presidente della Federazione Ticinese di Calcio. Rosetti ha illustrato durate la serata le indicazioni ricevute nell’incontro svoltosi lo scorso 8 aprile a Londra dove è stata confermata la volontà dell’IFAB di procedere già dalla stagione 2016/2017 con la sperimentazione della video assistenza agli arbitri in un campionato e/o torneo nazionale. Sperimentazione che per la prima stagione sarà “offline”, ovvero i video assistenti arbitri faranno dei test sul funzionamento dell’impianto tecnologico con cui dovranno familiarizzare ma non entreranno in contatto con l’arbitro in campo e quindi non incideranno sulle sue decisioni e sull’andamento della gara. In questa fase saranno raccolti anche i dati che saranno utili a perfezionare il protocollo nella fase 2, quella che partirà nella stagione seguente (2017/2018) in cui la sperimentazione andrà a regime e che vedrà arbitri e VAR in collegamento per interagire e utilizzare il supporto video per rivedere eventuali episodi. La tecnologia verrà utilizzata solamente per correggere errori palesi ed episodi sfuggiti agli arbitri in campo e applicata unicamente nelle decisioni relative a reti, calci di rigore, espulsioni dirette e scambi di identità (al momento di un’ammonizione o un’espulsione). Questi i 4 casi individuati dall’IFAB perché sono quelli che possono influire sull’esito finale della gara. Il protocollo della sperimentazione sarà unico per tutte le Federazioni o Leghe che vi vorranno prendere parte.

Durante la serata sono stati enunciati anche i requisiti tecnici necessari per procedere allo studio di fattibilità.

Incontro molto interessante e utile per capire dove si sta muovendo la nuova generazione del arbitraggio.

 

Fabio Cavallo

SEZIONE TECNICA

Raggr. Allievi Calcio Basso Ceresio